PROJECT LIFE – introduzione

23 Feb

Vi è mai capitato di guardare tutte le foto che avete nel cassetto e pensare “ma come farò a metterle tutte dentro i miei album?? quanti layout devo fare solo per le foto del mio compleanno?? e poi ci sono quelle delle vacanze, dei figli, delle cene fuori ecc ecc ecc “.  E il panico avanza!

Se poi siete come me, conservate tutto nella vita, dai biglietti del cinema di quel bel film che avete appena visto al conto di un ristorante carino in cui siete andati in un occasione speciale; dall’sms che vi ha mandato la vostra migliore amica al biglietto d’auguri del vostro fidanzato. Quindi, oltre a tonnellate di foto, in varie scatole avete anche chili e chili di ricordi più o meno identificabili. E cosa fare con tutto questo materiale?

Di sicuro non si butta via nulla (vero??^^) però anche pensare di farci stare tutto in decine di layout o mini-album diventa un po’ stressante come prospettiva, no? E’ proprio con queste problematiche in mente che in america è nato un nuovo modo di fare scrapbooking…si chiama PROJECT LIFE.

Image credit

Project Life è stato creato da Becky Higgings, una giovane donna mormore dello Utah dallo spiccato senso imprenditoriale, che ha deciso di trovare un metodo per togliere lo stress dai ricordi.  Ciò che ha pensato Becky è di creare un album “preimpostato” attraverso page protectors già suddivisi in piccole taschine dove inserire foto e ricordi vari (quelli che in inglese si chiamano memorabilia)  e da completare con cartoncini colorati e coordinati tra di loro per il journaling. In questo modo l’unica cosa che rimane da fare è stampare le proprie fotografie, inserirle negli appositi spazi e aggiungere il diario o la descrizione delle fotografie con le journaling card già pronte! Et voilà! In pochissimo tempo  un album con tutti i vostri ricordi è già pronto!

                                                                     Image credit

Project Life perciò permette di:
– conservare in un unico luogo tutti quei ricordi che non troverebbero spazio in layout completi e/o minialbum perchè non sono abbastanza “importanti” o perchè avete già troppo materiale da usare.
– creare un album con tantissime foto in pochissimo tempo dal momento che la maggior parte del lavoro di “struttura” è già stato fatto nell’impostazione del prodotto.
– semplificare (se volete, ma non è obbligatorio) il processo creativo poichè i cartoncini sono già coordinati tra di loro cromaticamente, l’unica cosa che dovete fare è mettere le foto e scrivere due righe di accompagnamento!

Il metodo è talmente flessibile che permette di essere utilizzato come volete e di adattarsi al vostro modo di essere creativi; in un altro post scriverò proprio di questo.  Nei prossimi giorni poi parlerò anche dei prodotti base da utilizzare, del modo migliore di organizzarsi e risparmiare tempo, vi darò dei consigli creativi e poi ovviamente vi farò vedere le pagine del mio album! Non vedo l’ora!

Link:

Project Life Home Page
Presentazione di PL attraverso slide molto dettagliate
Creative Team (per vedere come le usano famose designer americane)

nota: tutte le foto del post sono state prese dal sito di Becky Higgings – Project Life

Una Risposta to “PROJECT LIFE – introduzione”

  1. Alessandra 5 aprile 2012 a 18:50 #

    Che bell’idea quella del Project Life!!! non vedo l’ora di vedere come lo creerai, sarà stupendo!!!ed effettivamente, una volta preparato, per quanto lungo e impegnativo possa essere il farlo, …..poi è già pronto a raccogliere ogni sorta di ricordi!!!!😀

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: